Passione e Adorazione

«A colui che è fermo nei suoi sentimenti tu conservi la pace, la pace, perché in te confida. Confidate per sempre nel SIGNORE, perché il SIGNORE, sì, il SIGNORE, è la roccia dei secoli».
Isaia 26:3, 4

L’adorazione è un aspetto importante del mio personale culto a Dio. Non è frutto di uno sforzo umano, piuttosto è l’opera dello Spirito Santo nella mia vita.

Il nostro culto a Dio deve esprimersi in quel senso di solenne stupore e adorazione, nell’amare, anelare e attendere il Signore.

Il giovane missionario David Brainerd morì in casa di Jonathan Edwards all’età di 29 anni. Durante la sua breve vita, ebbe una passione così intensa per Dio, al punto che nient’altro poteva saziare il suo cuore. Si inginocchiava sulla neve e nell’adorazione, nella preghiera e nell’intercessione perdeva il senso del tempo al punto che, al termine della sua lode, la neve si scioglieva intorno a lui formando un ampio cerchio. Oggi abbiamo bisogno di una passione come quella. C’è bisogno di uomini e donne che abbiano un potente desiderio di Dio, in grado di allontanare dalla loro vita tutto il resto!

Ciò che desidero maggiormente è che la mia adorazione rivolta a Dio sia altrettanto reale ed efficace. Non voglio essere uno che imita le forme e gli atteggiamenti rituali che accompagnano l’adorazione. Voglio sforzarmi di realizzare la passione per l’adorazione che altri uomini come me hanno mostrato nella loro vita. Voglio amare Dio più di qualsiasi altra persona della mia generazione.

Quest’oggi andiamo al Signore Gesù che ci ha rivolto il Suo invito. Con tutto il nostro cuore, alziamo la voce, lodiamolo e adoriamolo.


Tratto da “In Disparte con Gesù”

disparte-con-gesu-adimedia